17°Meeting open&prod. AW'32 al BB Slot R.E. 24/2/2019 -

Italia Slot

     Menù
· Home
· Invia Articolo
· Archivio Articoli
· Argomenti
· Downloads
· FAQ
· Forums
· Galleria Immagini
· Il tuo Account
· Lista Utenti
· Private_Messages
· Prove, Reportage, etc.
· Top
· Web Links

     Slot Clubs

Piste permanenti
Slot Clubs


     Regolamenti

Regolamenti


     Chi è Online
Benvenuto Anonimo
Se ancora non hai un account clicca qui per registrarti

Nickname:
Password:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza
Digita il codice di sicurezza:

[ Password persa? ]

Utenti registrati:
Ultimo: skippermini
Oggi: 2
Ieri: 2
Totale: 6392

Persone Online:
Visitatori: 98
Iscritti: 3
Totale: 101

Online Adesso:

01: Guarda il profilo di skippermini  Invia un messaggio privato a skippermini  skippermini
02: Guarda il profilo di Arsen23  Invia un messaggio privato a Arsen23  Arsen23
03: Guarda il profilo di antovig5  Invia un messaggio privato a antovig5  antovig5

Abbiamo avuto
pagine viste dal
Marzo 2001

     Rotazione Articoli

 Di tutto, di più ...
[ Di tutto, di più ... ]

·WARM UP MONDIALE PLANET 32
·Ferrari 410 S
·Corsie piste: numeri, colori e posizione internazionali
·FALCON - Porsche 924 Carrera GT
·RevoSlot - Porsche 911 GT2
·Maserati A6GCS Berlinetta
·SLOTCAR TODAY TROPHY COLLECTION
·24 Heures de Cognin (FR) 2017
·Classic Open

     Visitatori unici
free counters

     Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Il gestore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi all’immagine o all’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al gestore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Leggere tutte le condizioni d'utilizzo del sito QUI

     Contatti
Se vuoi contattarmi, (Paolo)


Italia Slot
online da Marzo 2001

     RSS






     Visitatori

Italia Slot: Forums

italiaslot.com :: Leggi il Topic - 17°Meeting open&prod. AW'32 al BB Slot R.E. 24/2/2019
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

17°Meeting open&prod. AW'32 al BB Slot R.E. 24/2/2019
Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SlotRacing - Metallo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Mer 16 Gen 2019 2:32    Oggetto: 17°Meeting open&prod. AW'32 al BB Slot R.E. 24/2/2019 Rispondi citando



Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Mer 16 Gen 2019 18:53    Oggetto: Rispondi citando

robertobigi ha scritto:
Eccomi ...
Probabilmente l'idea proposta da Sergio Lucarini di unificare le due categorie In-line in una sola ha funzionato. Le presenze alla scorsa edizione del Warm Up sono state decisamente alte anche in questa classe.
A questo punto però si era creato un piccolo buco, ovvero mancava una categoria da abbinare alla 1/32 Anglewinder Produzione (telai max 2 pezzi, reperiti in commercio e prodotti in serie).
A fine gara, Warm Up l'8 Dicembre scorso, si è fatto un piccolo consulto e a quanto pare la proposta di inserire una nuova categoria che lascia più libertà telaistica è piaciuta.
Dopo averne parlato approfonditamente con altri conponenti del club e sostenitori del "movimento", direi che è ora di rendere pubblica la cosa e presentare il regolamento di questa nuova categoria che si chiamerà OPEN.

Dunque la parte nuova, oggetto di gara separata, viene definita attraverso questa piccola appendice aggiunta al regolamento di sempre che tutti siamo abituati a leggere:

Telaio Open 1/32: libero per forma e materiale.
Le bronzine o i cuscinetti a sfera possono essere saldati al telaio.
Assali liberi. Larghezza massima consentita (telaio, carreggiata anteriore e posteriore) = 66 mm.
Distanza massima tra perno pick-up ed assale posteriore 105 mm.


Come è semplice vedere per la nuova categoria OPEN valgono le stesse regole comuni alla Produzione per quanto riguarda motori, carrozzerie, ruote, ecc.; l'unica sostanziale novità sta proprio nel telaio che diventa libero (le uniche regole sono dimensionali)

E' palese che chi non disporrà di un telaio "veramente OPEN" potrà partecipare in questa categoria con la solita macchina produzione ... penso che la differenza non sarà tantissima.



Riprendo quanto deciso e discusso alla fine dello scorso anno, cioè un mese fa, con la speranza di evidenziare il meglio possibile questa grande novità e conseguentemente chiarire e aiutare il più possibille i già affezionati amici e quelli nuovi che vorranno provare in futuro.

Già Lorenzo e Sergio, in coda al post del W.U. in cui si dava l'anticipazione hanno parlato della possibilità del telaio JK modificato o comprato nuovo a tre movimenti e dell'italianissimo SR da provare a modificare o comprare nella nuova versione evoluta tutto acciaio.

Per me, a questo punto, si presenta la succulenta occasione di dare il via all'estensione più corsaiola e creativa nella discussione che questo regolamento permette già in pieno.
Le esatte parole del regolamento della nuova Categoria Telaio OPEN sono << libero come forma e materiale >>

E perlappunto per far capire l'eventuale grande discussione tecnica che potrà seguire inizio cominciando a specificare che il fatto che ognuno il telaio se lo potrà, se lo desidera, costruire da solo nella forma e nel materiale che più gli piace, non è una cosa da nulla da liquidare così in due parole.

Così pure non è una quisquilia dire che lo stesso regolamento ci consentirà di tornare ad usare i gloriosi telai torsionali anni'80 in filo armonico e ottone
E questo fatto oltre che una ulteriore opzione che lascia spazio al gusto di ognuno ...
si potrà evolvere potenzialmente nel tempo in una non trascurabile originale opportunità storica.
E' dire e accennare di quanto ampio e portatore di discussione e confronto tecnico potrà essere il passo della nuova categoria.

C'è un grande spirito di rievocazione di un momento preciso di storia e cultura moderna dello slot italiano all'origine dei nostri Meeting.
Lo Slotracing sbarca d'oltreoceano in grandissimo stile negli anni '60 e 70 : piste imponenti capolavoro di falegnameria ed elettricità abbinata. Grandi e servitissimi ambienti pubblici ad ospitarle e renderle fruibili da tutti, scenografie e comfort mai visti prima di allora in Italia, forse persino nemmeno nelle altre tipologie commerciali o di svago allora presenti nel territorio.
I miracoli fantastici svaniscono e non siamo nemmeno negli anni '80 che tutto il prodigio così come è arrivato svanisce.

E' in questo preciso momento, di grande smarrimento nel nulla col pulsante in mano, io ricordo e direi di disperazione Exclamation Question scusate l'espressione, che la salvezza ritorna nel metallo su plastica che oggi rievochiamo da e con Bigi e tutto il BB slot.
Accadde allora che impensabile avere capannoni e grattacieli di proprietà familiare, ville con scantinati climatizzati ecc , a dirla tutta assolutamente giovani e squattrinati mai e poi mai in grado di pensare di comprare una pista decente da soli ... Si trovarono soffitte, bugigattoli più o meno grandi o accoglienti, troppo spesso freddi e si comprarono a colletta le piste Polistil, su cui dapprima a forza e poi ad intelligenza provammo ad adattare i nostri demoniaci "ferri" su ruote e le entry level, già primo prodotto globalizzato, Parma Womp
I telai dei prototipi, sulle orme degli inglesi, cominciammo a farli da soli con lo sforzo (davvero sovrumano) di tagliare l'ottone.
Contemporaneamente i campioni (anche già internazionali) Italiani (Gianotti, Montiglio, Scribano, per dirne di ancor oggi conosciuti da tutti) o di lì a poco l'industria americana cominciarono a concepire pure i telai produzione stampati ...
Very Happy Very Happy Very Happy
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
sergio49
-
-


Registrato: Dec 05, 2009
Messaggi: 369

MessaggioInviato: Ven 18 Gen 2019 17:04    Oggetto: Rispondi citando

giorgioTOVER ha scritto:
[size=18]Eccomi ...

....C'è un grande spirito di rievocazione di un momento preciso di storia e cultura moderna dello slot italiano all'origine dei nostri Meeting.
Lo Slotracing sbarca d'oltreoceano in grandissimo stile negli anni '60 e 70 : piste imponenti capolavoro di falegnameria ed elettricità abbinata. Grandi e servitissimi ambienti pubblici ad ospitarle e renderle fruibili da tutti, scenografie e comfort mai visti prima di allora in Italia, forse persino nemmeno nelle altre tipologie commerciali o di svago allora presenti nel territorio.
I miracoli fantastici svaniscono e non siamo nemmeno negli anni '80 che tutto il prodigio così come è arrivato svanisce....
....Accadde allora che impensabile avere capannoni e grattacieli di proprietà familiare, ville con scantinati climatizzati ecc , a dirla tutta assolutamente giovani e squattrinati mai e poi mai in grado di pensare di comprare una pista decente da soli ... Si trovarono soffitte, bugigattoli più o meno grandi o accoglienti, troppo spesso freddi e si comprarono a colletta le piste Polistil, su cui dapprima a forza e poi ad intelligenza provammo ad adattare i nostri demoniaci "ferri" su ruote
Very Happy Very Happy Very Happy


Bellissimo e rievocativo il tuo racconto Giorgio. I periodi da te descritti li ho vissuti entrambi: il primo nel mega locale del "MICRO RACING MODEL CAR" di via Trionfale a Roma, eravamo alla fine degli anni '60, il secondo nella "cantina fredda" che in una ricerca di continuità abbiamo seguitato a denominare "Micro Racing Model Car" di via Val Grana, questo a metà degli anni '70.

Correvamo con i Prototipi in ottone in questa pista "Polistil":



Veramente un bel periodo quello delle gare "metallo su plastica" in via V. Grana. Divertimento ed agonismo alle stelle. Stesso divertimento ed agonismo che, a distanza di tanti anni, ho ritrovato nelle gare "metallo su plastica" che stiamo correndo al "BB Slot" di Reggio Emilia.


Ultima modifica di sergio49 il Ven 18 Gen 2019 20:10, modificato 3 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
sergio49
-
-


Registrato: Dec 05, 2009
Messaggi: 369

MessaggioInviato: Ven 18 Gen 2019 17:11    Oggetto: Rispondi citando

giorgioTOVER ha scritto:
[size=18]

....Già Lorenzo e Sergio, in coda al post del W.U. in cui si dava l'anticipazione hanno parlato della possibilità del telaio JK modificato o comprato nuovo a tre movimenti e dell'italianissimo SR da provare a modificare o comprare nella nuova versione evoluta tutto acciaio....

Very Happy Very Happy Very Happy



Dell' italianissimo "SR" circolano già interessantissime versioni "OPEN", ecco in esclusiva mondiale le foto di un paio di queste:





Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Ven 18 Gen 2019 19:24    Oggetto: Rispondi citando

... pure a ricordarci di quanto bene funzionino i normali 46' nsr sulla pista in plastica !!
Una scelta che via, via, una edizione dopo l'altra, senza farsi troppo notare, ha sempre portato piloti al podio. Un motore, che ha una erogazione impareggiabile tollerando un ampio range di rapporti di trasmissione.
... in barba al nostro vizio di parlare sempre delle nostre ricette di elaborazione motoristica, tanto da distogliere la seria riflessione che si dovrebbe dedicare ai motori "normali".
E nota bene, che i malaugurati numerosi guasti di cui questi '46 hanno patito SOLO durante la scorsa endurance a Roncole, ho il forte sospetto che possano essere dovuti al motivo che regolarmente fa accadere la stessa cosa a tutti gli altri motori metallo su legno che è la cronica tendenza di alzare la tensione in pista al di sopra dei 12 V.

Sempre parlando di tutti gli altri motori "normali" in commercio belli e pronti, tipo proslot, non posso che definirli economici e consigliatissimi lanciando a tutti l'invito ed il consiglio di dedicare tempo allo smontaggio, al set up, al rodaggio.

Per giunta dopo tanto tempo, trovandomi ancora una volta a smontare motori che a fine corsa vecchi e nuovi gli amici hanno la fiducia di consegnarmi per l'autopsia e la donazione di organi Very Happy , sento impellente il dovere di cominciare a sdebitarmi con gli umili consigli dei quali son capace, dedotti dall'osservazione :

- da molti (non da tutti) arrivano Falcon o simili, cioè motori chiusi, almeno con il collettore in condizioni pietose;
quando è nuovo fate il rodaggio del motore, nei due sensi, senza dargli corrente, trascinandolo in rotazione collegando l'albero a quello di un alro motore vecchio alimentato. (Magari collegando i due alberi attraverso una di quelle molle MB che usavamo con le fly a motore anteriore e trazione posteriore oppure se vi viene più comodo attraverso ingranaggi.)
Non usate liquidi, per favore ... né a spruzzo in piccola quantità né tantomeno ad immersione.

- tenete presente che già dopo la prima saldatura di un motore nuovo, il magnetismo decade in modo sensibile anche se a fare la saldatura è un esperto che impiega 15 secondi ! Very Happy
Trovo una percentuale altissima di motori con un magnetismo ridotto ai minimi termini.

Proposta seria : visto che noi usiamo motori di serie o autocostruiti di prestazioni sempre al di sotto del gr.12 e quindi su questi nostri le viti riescono ad assicurarne il bloccaggio sul telaio;
perché non tenete presente che l'SR la piastrina ce l'ha di serie e su tutti gli altri a cominciare dal JK la piastrina per il fissaggio a vite del motore si può saldare !!??

- motori tipo proslot, anche qui si incorre in visioni di usura orribile, mettete in conto di spendere quei 15 / 17 euro per comprarlo, fare subito il set up e tornare a farlo a livello di smontaggio, pulizia collettore e controllo dopo qualche gara come manutenzione.
Non è questione che poi questo proslot un giorno lo lasciate ai nipoti Very Happy è il fatto che facendo come si deve è un motore diverso già da subito.
(rivolgersi ad un amico con più esperienza aiuta molto, vi da consigli belli e pronti, tramanda un pò di tradizione ...)

Detto questo, messaggio in codice per Sergio : Very Happy

<< ... il '42 funziona !! incredibile ! >> fino ad oggi l'ho potuto provare su una pista che ha tutta la corrente che si vuole; ad ogni modo gli assorbimenti propri sono molto ridotti nei valori che si è detto da 0,6 a=>2 circa; dunque pare realistica la speranza che vada uguale al BBslot.

Una scoperta banale, da analfabetismo di ritorno, mi sono fatto confondere dalle attuali mode sull'anticipo che lo vogliono a valori alti, e che mantenuto basso, come una volta, 10°, 15° massimo in prox 20° permette di reinterpretare quelle "ricette" che riteniamo proibite, mantenendo contenuti i valori di assorbimento.

Saluti dal "phoenix by me" 2^ versione Very Happy Very Happy Very Happy

Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Lun 21 Gen 2019 13:51    Oggetto: Rispondi citando

sergio49 ha scritto:

...
Correvamo con i Prototipi in ottone in questa pista "Polistil":
...


... devo per forza dire: grazie ! veramente bella Sergio!! c'è persino la "citazione" via polistil delle già passate, allora enormi, paraboliche in legno.
Sulla "scala" di allora avevate una pista al top ! Se riuscirò a trovare una foto per un confronto con la tua (bellissima) ti farò vedere prima o poi il confronto con l minimi termini di chi non voleva arrendersi nel nostro passato di qui da noi.
Very Happy Very Happy Very Happy
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Lun 21 Gen 2019 17:38    Oggetto: Rispondi citando

Dal sito storico https://slototo.jimdo.com/

La pista Polistil a Verona a casa di Davide negli anni '80 :

Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Mer 30 Gen 2019 13:04    Oggetto: Rispondi citando

... grande evento questa nuova prossima edizione, con il debutto di una categoria aggiuntiva, libera come poche e credo proprio inedita ed innovativa, per i nostri tempi ...

Ma caro Sergio, mi rivolgo a te come figura centrale e altamente meritoria dei nostro ritrovarsi, credo NON sarà immediatamente uno stupore per << per le soluzioni che sapranno trovare i nostri compartecipanti >> come mi hai detto ieri al telefono ...
toccherà (e sarà normale vista la disabitudine generale ad autocostruire) dare un aiutino ... sopratutto aspettare con pazienza di rinnovare questo appuntamento a prossime edizioni.
Retoricamente ovvio dire che eventuali disegni di aiuto, qui, per l'autocostruzione di telai sarebbero necessari ...
Dunque mi appello a personaggi ben noti, già produttori, che spesso sono ospite d'onore ai nostri incontri ...
Realisticamente sento però che dovrò cercare di provare ancora una volta ad avere una concreta iniziativa anch'io ...

(immedesimarcisivi) stupisci ! Very Happy Very Happy Very Happy

a presto a tutti da g.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
sergio49
-
-


Registrato: Dec 05, 2009
Messaggi: 369

MessaggioInviato: Lun 11 Feb 2019 20:32    Oggetto: Rispondi citando

Sabato scorso, per noi del "Sassoferrato S.C." è stata una giornata di prove. Dopo tanto lavoro in "garage", con Manolo e Mauro, abbiamo pensato di salire a Reggio per testare in pista i nostri nuovi "ferri".
Alle 11.00 eravamo al "BB Slot". Locale freddino, ma la pista si è dimostrata da subito molto scorrevole.
Eravamo ovviamente curiosi di verificare se tra le nostre usuali macchine (JK ed SR) e le nuove "Open" assemblate in queste ultime settimane ci fosse quel divario sperato.
Inizialmente abbiamo girato con i muletti per "pappare" le corsie, per poi passare alle "produzione" da gara. Personalmente mi ero portato per l'occasione la migliore delle mie "JK". Con questa i tempi si sono stabilizzati attorno al 7.3, che per i miei abituali standard (pippeschi Embarassed ) è un bell'andare.
Nel frattempo Mauro ha fatto un confronto tra un "JK" standard ed un "JK" abbastanza "segato". Il verdetto è stato a favore del secondo, apparso sensibilmente più stabile quindi un tantino più rapido sul giro.
Abbiamo quindi messo in pista le "Open" ricavate da nostri (nel senso che da tempo li avevamo nei nostri cassetti) telai in acciaio "professionali". Tutte hanno girato con facilità tra i 7.200 e i 7.300.
Ad una certa ora si è unito a noi anche Roberto Bigi che ha approfittato del nostro lavoro di pappatura per testare al meglio la sua bellissima "SR Open Factory". A quel punto ho ovviamente iniziato a guidare con un occhio (più) attento al monitor. Vista la rapidità e facilità con cui Roberto ha iniziato a girare tra 7.2 basso e 7.1 alto, mi sono subito fatto l'idea che queste macchine hanno un passo potenziale sotto al 7.1 con punte, nei giorni di gara, con la pista al massimo dell'aderenza, anche sotto i sette secondi.
E' così che, prima di venire via, ho tentato un "time attack" con quella che si era dimostrata la migliore delle Open tra quelle portate. Dopo un poco, preso il ritmo, mi sono accorto che stavo girando con regolarità ......sotto i sette secondi!! Che dire, con queste macchine, quando caleranno in pista quelli forti, ci sarà proprio da divertirsi! Very Happy

Nell'insieme è stata una bella giornata spesa veramente bene, approfitto dell'occasione per ringraziare Roberto Bigi per la disponibilità, Luca Barilli che è stato pazientemente con noi tutto il giorno, e per salutare Cristiano Miino e Alessandro Barbieri (da Bologna) che nel pomeriggio hanno girato con noi.

A presto, ciao!


Ultima modifica di sergio49 il Mar 26 Feb 2019 15:48, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
robertobigi
-
-


Registrato: Mar 15, 2011
Messaggi: 240

MessaggioInviato: Mar 12 Feb 2019 16:02    Oggetto: Rispondi citando

Sergio, direi che con quei tempi quello forte sei tu ... decisamente !!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
sergio49
-
-


Registrato: Dec 05, 2009
Messaggi: 369

MessaggioInviato: Mar 19 Feb 2019 18:41    Oggetto: Rispondi citando

Programma:

sabato 23 febbraio:

dalle ore 13 alle ore 19 prove libere

domenica 24 febbraio:

dalle ore 8 alle ore 10 prove libere e verifiche tecniche categoria "Produzione AW 1/32"

dalle ore 10 alle ore 12,30 gara categoria "Produzione AW 1/32"

dalle ore 12,30 alle ore 14 prove libere e verifiche tecniche categoria "Open 1/32"

dalle ore 14 alle ore 17 circa gara categoria "Open 1/32"

a seguire premiazioni.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
sergio49
-
-


Registrato: Dec 05, 2009
Messaggi: 369

MessaggioInviato: Lun 25 Feb 2019 22:41    Oggetto: Rispondi citando

"17° Meeting 1/32" - La cronaca

A causa dell’esordio della nuova categoria “Open”, che magari poteva spaventare risultando un tantino impegnativa dal punto di vista tecnico, c’era un poco di ansia sulla riuscita di questo diciassettesimo “Meeting” . Invece le presenze sono andato oltre le più rosee previsioni. Ben ventitre piloti si sono presentati al “BB Slot”, un numero molto positivo per quello che riguarda il settore “Metallo”.



Di seguito alcune foto a ricordo dell’evento:








































































Alle 10.30 le “Produzione Anglewinder 1/32” sono tutte verificate:





Prima batteria:


Antonio Capelli, Fausto Mazzoni, Giorgio Peroni, Daniele Degli Esposti, Manuel Rodriguez.







A parte Antonio Capelli, che alla guida di un datato telaio “Tover” non riesce a tenere il ritmo dei mezzi decisamente più moderni dei suoi avversari, gli altri quattro concorrenti danno vita ad un gara combattuta dagli esiti incerti. All’inizio è Peroni a dettare il ritmo. Dalla terza frazione viene però rimontato e superato da Mazzoni. A quel punto l’interesse si sposta sulla lotta per il secondo posto tra lo stesso Peroni e un rimontante Rodriguez, lotta che si risolve solo allo scadere del tempo. Quarto posto per Degli Esposti che conclude in crescendo con percorrenze veramente interessanti.


Seconda batteria:


Giuseppe Cantone, Alessandro Barbieri, Cristiano Mijno, Pietro Razzano, Paolo Baraldi, Luca Barilli.







Grande spettacolo! Allo scadere dei primi quattro minuti è in testa Baraldi con trenta tornate. Ad un solo giro Barilli, Barbieri e Razzano. A due, Mijno. Più staccato Cantone all’esordio su questo tracciato. Fino a metà gara sono ancora tutti vicinissimi, con la bottiglia di Verdicchio (premio per il vincitore di manche) ancora in bilico. Alla fine a spuntarla è Luca Barilli che fa valere il fattore campo. Bellissima gara, ci avete fatto divertire, bravi tutti!




…effetto nebbia


Terza batteria:


Andrea Balducci, Mauro Pesaresi, Massimo Feola, Carlo Carli, Oliviero Rosti, Guerrino Folloni.













Gente dal dito pesante in questa manche. Feola e Pesaresi chiudono la prima frazione segnando 31 giri. Ad una incollatura (30 g.) Rosti e Carli. Più staccati Folloni e Balducci non ben assistiti dai loro mezzi.



In seconda frazioni Pesaresi si ripete con 31 giri, come lui questa volta Carli. Continua ad essere molto veloce anche Rosti con 30 giri, uno meno di lui Feola. Nelle fasi successive Pesaresi riesce a prendere un poco di margine (32 giri in terza frazione) aumentandolo progressivamente col passare dei minuti. Serrata ed avvincente si fa a questo punto la lotta per la seconda piazza tra Rosti e Carli. Alla fine a dividerli saranno solo sei settori. Grandi!




Quarta batteria:


Domenico Martinez, Mauro Montanari, Roberto Bigi, Sergio Lucarini, Gianni Scribano, Emanuele Spotti.





Batteria tiratissima, tutta in apnea. Con percorrenze che un tempo si facevano con le 1/24. Al primo stop, sono 33 giri per Bigi. Uno in meno per Montanari e Lucarini. 31 per Scribano, 30 per Spotti (in corsia uno) e Martinez (in corsia sei). Con il passare dei minuti il vantaggio di Roberto resta invariato, a metà gara totalizza 97 punti. Gli è dietro ancora Mauro con 96, poi Emanuele (95), Sergio (94), Gianni (93), Mimmo (91). E’ nella seconda metà della gara che Bigi da lo strappo, alla fine il suo vantaggio sarà i ben quattro tornate. In un fazzoletto chiudono nell’ordine Montanari, Spotti, Lucarini e Scribano. Più staccato Martinez.


Classifica generale:





Pausa per un tramezzino ed un caffè ed eccoci di nuovo in pista per l’esordio della nuova categoria, la “Prototipi 1/32”, quella con …… motore e telaio liberi!!!










Il direttore gara chiama il primo schieramento.



Prima batteria:


Daniele Degli Esposti, Andrea Balducci, Giorgio Peroni (in una partenza tipo vecchia Le Mans), Manuel Rodriguez, Guerrino Folloni, Giuseppe Cantone.







Gara vivace che si divide presto in un paio di belle sfide, quella per il primo posto tra un regolarissimo Balducci ed un poco incostante ma a tratti velocissimo Folloni e quella accanitissima per la terza piazza degli altri quattro concorrenti. Alla fine la spunta Andrea, ma “Gerry” in alcune fasi è stato veramente impressionante. Terzo si piazza Peroni, che regola nell’ordine Cantone, Rodriguez e Degli Esposti.




Seconda batteria:


Pietro Razzano, Paolo Baraldi, Fausto Mazzoni, Alessandro Barbieri, Mauro Pesaresi, Carlo Carli.





Anche in questa occasione è Pesaresi a dettare il ritmo. Al primo stop ha due giri di vantaggio su Carli e Baraldi e tre su Razzano Mazzoni e Barbieri. Nelle successive frazioni la gara si spezza con Pesaresi e Carli saldamente ad occupare le prime due posizioni, con gli altri impiccatissimi a giocarsi la terza piazza. Nel frattempo il modello di Barbieri va in crisi, per lui è quindi il ritiro. Il terzo posto se lo aggiudica Razzano con un bel finale in crescendo, trenta giri per lui in ultima frazione.

Terza batteria:


Sergio Lucarini, Emanuele Spotti, Domenico Martinez, Mauro Montanari, Gianni Scribano, Roberto Bigi.





Mai visti al “BB Slot” modelli 1/32 così veloci. La gara è molto adrenalinica, ogni errore si paga caro. La prima frazione viene chiusa da Spotti con 33 giri. Gli altri sono tutti a 32. E’ una gara tiratissima, molto bella, attorno alla pista tutti trattengono il fiato.



Bigi è un martello, dopo la prima corsia, nelle altre somma metodicamente 33 giri. Vince percorrendo ben 197 tornate. A meno di un giro da lui chiude Spotti che, sbagliando pochissimo, ha venduta cara la pelle lottando fino alla fine. Terzo Lucarini. La sua macchina è un missile, 6.937 il miglior tempo. Peccato gli errori Rolling Eyes . Sul filo di lana Scribano regola Montanari per la quarta piazza. Sesto Martinez.


Classifica generale:



Ultima modifica di sergio49 il Mar 26 Feb 2019 16:02, modificato 2 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pochoslot
-
-


Registrato: Sep 10, 2008
Messaggi: 605
Località: Portici

MessaggioInviato: Mar 26 Feb 2019 8:26    Oggetto: Rispondi citando

buongiorno, Sergio
come sempre una descrizione della gara perfetta come il BBSLOT, veramente complimenti a tutti siete fortissimi e simpatici ci rivediamo al prossimo evento
_________________
seventeen
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
MimmoMartinez
-
-


Registrato: Oct 16, 2002
Messaggi: 1235

MessaggioInviato: Mar 26 Feb 2019 12:23    Oggetto: Rispondi citando

I risultati sono ingenerosi ma è stato un week-end di grande divertimento!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
giorgioTOVER
-
-


Registrato: Sep 27, 2008
Messaggi: 637
Località: verona

MessaggioInviato: Mar 26 Feb 2019 23:14    Oggetto: premiazioni ! Rispondi citando

Grazie al BBslot !

Al grande club di Sassoferrato della provvista di "verduzzo di Jesi" che anche in questo appuntamento ci consente di assegnare "la bottiglia" al 1° di ogni batteria.

Ecco le foto delle premiazioni, con il fuoriclasse Bigi, primo in tutte le categorie; il presidente Montanari ad insidiare il primato; il nostro Sergio Nazionale a mettere a segno uno dei sui micidiali colpi di record e di motore Very Happy ; Emanuele Spotti assiduo del podio ...

Vincitore assoluto incontrastato LO SLOT inattaccabile ad ogni individualismo, stavolta sempre più in alto con l'esordiente categoria :
"Open al massimo dell'open" Very Happy Very Happy Very Happy























Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SlotRacing - Metallo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum








Generazione pagina: 0.12 Secondi